Programmi e iniziative FSE Operatori
logo Unione Europea
 Ti trovi in: Home » Iniziative » Progetti Chiusi » Attività Transnazionali » Il Progetto
 
PROGRAMMI E INIZIATIVE FSE
Attività Transnazionali -  Il Progetto

Il progetto “Supporto alla Transnazionalità” è finalizzato a promuovere il raccordo con le politiche europee (in attuazione dell’obiettivo specifico 4.1 dell’Asse D del PON Azioni di Sistema dell’Obiettivo “Competitività territoriale e Occupazione”, e dell’obiettivo specifico 6.1 dell’Asse F del PON Governance Azioni di Sistema  dell’Obiettivo “Convergenza”). Attuato da Italia Lavoro su incarico del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha la durata di tre anni, dal 2012 al 2014. 

Nell’attuale periodo di programmazione la Transnazionalità rappresenta uno strumento per promuovere e valorizzare gli interscambi tra soggetti istituzionali e attori chiave dei sistemi per consolidare la cultura del dialogo e del confronto, in una logica di “apprendimento istituzionale” reciproco.

 

Il progetto “Supporto alla Transnazionalità” offre un sostegno nel processo di policy transfer e policy learning nelle politiche attive del lavoro a beneficio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e delle altre amministrazioni centrali e regionali, oltre ad istituzioni ed agenzie omologhe di altri Stati membri, sulle tematiche di comune interesse. A partire, innanzitutto, dai principali problemi strutturali del mercato del lavoro italiano, con l’obiettivo di contribuire a offrire soluzioni per lo sviluppo del sistema-paese e del suo mercato del lavoro nel fronteggiare la crisi economica e occupazionale.

 

Il progetto promuove  il confronto europeo sui programmi di welfare to work e le misure anti–crisi adottati dai governi, sui modelli di governance per l’efficacia delle politiche e delle misure adottate, sull’organizzazione dei servizi del lavoro, il raccordo delle politiche del lavoro attive e passive e l’integrazione con le politiche di formazione, lo sviluppo di servizi per l’inclusione sociale, le politiche migratorie e il contrasto al lavoro sommerso, le politiche per l’occupazione giovanile, i sistemi di apprendistato, la transizione scuola-lavoro e la conciliazione lavoro-famiglia.

 

Per operare un confronto sistematico con gli altri paesi europei, il progetto predilige le seguenti modalità operative:

  • organizzazione di seminari internazionali e visite di studio relativi a strategie, modelli, metodologie e dispositivi;
  • trasferimento di buone prassi nazionali, regionali ed europee in particolare attraverso conferenze internazionali, partecipazione a reti tematiche e gruppi di lavoro, accoglienza di delegazioni straniere;
  • adesione a partenariati istituzionali e progettazione di iniziative di cooperazione internazionale.