Operatori
logo Unione Europea
 Ti trovi in: Home » Notizie » In evidenza » Transizione istruzione formazione, Lavoro » Al via in Sicilia l’apprendistato per l'accesso alle professioni ordinistiche
 
Transizione istruzione formazione, Lavoro
Al via in Sicilia l’apprendistato per l'accesso alle professioni ordinistiche
May 19, 2017
Anpal Servizi  Contributo di Anpal Servizi all’ulteriore passo avanti per l’affermazione del sistema duale regionale

Nuova opportunità per i giovani siciliani: potranno svolgere il praticantato per l’accesso alle professioni ordinistiche anche attraverso l’apprendistato di alta formazione e ricerca. La Regione ha infatti adottato le linee guida operative per l'attuazione dell'istituto, e le ha trasmesse agli ordini professionali, alle parti sociali e agli stakeholders del mercato del lavoro. Si è così completato il percorso che ha vissuto i suoi momenti centrali con l’approvazione lo scorso 22 dicembre – in attuazione del Jobs Act - della delibera regionale per la definizione normativa dell’apprendistato e con l'accordo sottoscritto di recente con Confprofessioni.


In una nota, l’assessore competente Bruno Marziano ha ringraziato – tra gli altri – Anpal Servizi per la collaborazione necessaria a definire tutta la documentazione tecnica che è servita a centrare il risultato. La sinergia tra la Regione Siciliana e l’agenzia è ormai consolidata, con l’obiettivo in particolare di garantire l’affermazione del sistema duale sul territorio.


Oltre all’assistenza tecnica per la definizione e la regolamentazione dell’apprendistato a 360 gradi (di primo, secondo e terzo livello), Anpal Servizi mette infatti a disposizione il suo know-how alle scuole superiori per la promozione dell’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore. Con riscontri occupazionali che cominciano a concretizzarsi, come dimostrano alcune assunzioni che negli ultimi mesi hanno interessato gli studenti siciliani.


L’agenzia lavora pure per potenziare e qualificare gli uffici di placement degli atenei della regione, supportandoli nella promozione dell’apprendistato tra le aziende e nella costruzione di una rete strutturata con il tessuto produttivo, puntando in particolare sul rafforzamento dell’intermediazione tra domanda e offerta e su un’accurata analisi del fabbisogno professionale delle imprese locali. Anche in questo caso non mancano primi risultati incoraggianti.