Divisione Servizi per il lavoro

La Divisione garantisce la pianificazione, l’organizzazione e la realizzazione delle attività relative allo sviluppo dei servizi per il lavoro, nonché la gestione territoriale delle attività a supporto dei centri per l’impiego. La divisione collabora con la Direzione corporate school per la formazione per la definizione dei contenuti e delle modalità di erogazione degli interventi di formazione rivolti agli operatori dei servizi per il lavoro. La Divisione supporta gli interventi finalizzati al miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia dell’azione istituzionale attraverso la partecipazione ai tavoli di coordinamento della rete degli attori istituzionali per quanto di competenza. Con riferimento alla programmazione in corso alla Divisione servizi per il lavoro sono attribuite, fino ad esaurimento, le risorse economiche della linea di finanziamento Azione di sistema welfare to work. Alla Divisione servizi per il lavoro rispondono direttamente cinque direzioni funzionali.

Rafforzamento servizi per il lavoro - La Direzione interviene sulla organizzazione/riorganizzazione del sistema dei servizi per il lavoro, sullo sviluppo delle competenze degli operatori, sulla costruzione, il funzionamento e la qualificazione delle reti operative.

Rafforzamento servizi per il lavoro per target svantaggiati - La Direzione interviene sulla programmazione integrata di interventi in grado di migliorare l’accessibilità e la fruibilità di servizi e politiche per il lavoro a target particolarmente svantaggiati e la qualificazione dei soggetti coinvolti nella loro realizzazione (terzo settore/imprese sociali).

Programmazione operativa con le Regioni sui servizi per il lavoro - La Direzione interviene sul miglioramento dell’efficienza e dell’efficacia dell’azione interistituzionale, attraverso la messa in disponibilità di documenti, metodi, strumenti e informazioni utili alla definizione, adozione e attuazione di indirizzi, criteri e standard comuni. In particolare, la Direzione ha la responsabilità di: − supportare l’elaborazione degli indirizzi comuni di gestione delle politiche attive, a partire dai LEP e dai criteri di accreditamento, attraverso la messa in disponibilità di tutta la documentazione utile alla loro adozione; − supportare l’implementazione dell’Assegno di Ricollocazione e di eventuali interventi analoghi di livello nazionale, mettendo in disponibilità degli attori interessati tutta la documentazione utile alla definizione delle regole di funzionamento e delle relative procedure, alla rilevazione delle criticità, alla adozione di azioni correttive, alla compatibilizzazione con i sistemi regionali; − supportare la programmazione di interventi e misure complementari PON – POR su politiche e servizi di intermediazione; − supportare il Nucleo di coordinamento nazionale della Rete Eures, attraverso la messa in disponibilità di documentazione utile al raccordo con il livello territoriale.

Interventi diretti su crisi complesse e grandi crisi e su calamità naturali - La Direzione interviene nella programmazione e gestione diretta, attraverso apposite task force, di interventi di ricollocazione rivolti a lavoratori coinvolti in crisi di aziende aventi unità produttive ubicate in diverse province della stessa regione o in più regioni, e di crisi aziendali complesse e a lavoratori coinvolti in situazioni straordinarie di calamità naturali.

Gestione territoriale operatori dei centri per l’impiego - La Direzione interviene nella implementazione dei LEP di cui al D.Lgs.150/2015 da parte dei centri per l’impiego per i servizi erogati alle persone in cerca di occupazione ed i target previsti dalla legge. In particolare la Direzione ha la responsabilità di: - supportare tutti i CPI nell’erogazione alle persone in cerca di occupazione dei servizi identificati come LEP attraverso affiancamento on the job, incluso il rilascio e la gestione dell’assegno di ricollocazione, e nell’erogazione di servizi specifici rivolti a target particolarmente svantaggiati (migranti, persone svantaggiate art.4 L.381/1991, beneficiari del SIA); - supportare tutti i CPI nell’attività di scouting delle opportunità occupazionali, di incrocio domanda e offerta di lavoro e nella erogazione dei servizi di consulenza alle imprese; - erogare direttamente i servizi nelle aree per le quali non siano rispettati i LEP in materia di politiche attive del lavoro.