Cooperazione 25.feb.2019
Cooperazione bilaterale Italia-Moldova: avviato un percorso di capacity building sull’economia sociale
'La Mobilità Internazionale del Lavoro' progetto di ANPAL Servizi
Realizzata a Chişinău, dall’11 al 14 febbraio scorso, la prima sessione del percorso di capacity building 'POLITICHE PER UN MERCATO DEL LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILE' sui temi dell’impresa e dell’economia sociali, nel quadro delle azioni del programma La Mobilità Internazionale del Lavoro.
 
Nell’ambito della collaborazione tra Italia e Moldova sui temi della mobilità, della migrazione circolare e dello sviluppo del capitale umano, la Direzione Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Cancelleria di Stato della Repubblica di Moldova hanno promosso un’azione di cooperazione formativa per il rafforzamento del settore dell’economia sociale e l’implementazione del quadro normativo di riferimento in Moldova, verso un mercato del lavoro inclusivo.
 
Lo sviluppo dell’economia sociale può determinare importanti opportunità di sviluppo del mercato del lavoro moldavo, di inserimento lavorativo e di risposta ai bisogni sociali: la crescita delle capacità istituzionali e delle competenze professionali ed imprenditoriali in questo settore rappresentano leve strategiche per contrastare i fattori che spingono all’emigrazione e per attrarre investimenti e progetti di rientro produttivo della Diaspora moldava
 
L’intervento, coordinato e realizzato dal progetto La Mobilità internazionale del Lavoro di ANPAL Servizi, con la collaborazione operativa del BRD-Bureau per le Relazioni con la Diaspora moldavo, si aggiunge alle quattro azioni già sviluppate tra il 2016 e il 2018, nel quadro della cooperazione formativa tra i due Paesi, 
L’azione di capacity building è rivolta a circa trenta dirigenti e funzionari dei Ministeri dell’Economia, del Lavoro, delle Finanze, della Giustizia, dell’Istruzione, della Cancelleria di Stato, di Amministrazioni locali, di Associazioni e soggetti della società civile, di imprese e stakeholders del settore.
 
Il percorso formativo è articolato in due sessioni formative a Chişinău e una study visit in Italia:
 
  1. sessione formativa generale dall’11 al 14 febbraio 2019
  2. sessione di approfondimento specifico dall’11 al 14 marzo 2019
  3. study visit, da realizzarsi tra aprile e maggio 2019
I lavori della prima sessione si sono aperti con i saluti istituzionali dei rappresentanti dell’Ambasciata d’Italia, della Cancelleria di Stato e del BRD, della DG Immigrazione del Ministero del Lavoro e di ANPAL Servizi.
 
Sono intervenuti come relatori:
  • il Prof. Carlo BORZAGA, Preside della Facoltà di Economia dell’Università di Trento e Presidente dell’EURICSE- European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises
  • il Dott. Giuseppe GUERINI, già Presidente di Confcooperative-Federsolidarietà e membro del CESE Comitato Economico e Sociale europeo; 
  • il Dott. Alessandro LOMBARDI, Direttore Generale del Terzo Settore e della Responsabilità Sociale delle Imprese del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; 
  • la Dott.ssa Roberta DALL’OLIO, responsabile Unità UE e Coop.ne Internazionale di Ervet, Ente in house della Regione Emilia Romagna per la valorizzazione economica del territorio. 
I contributi – di alto livello scientifico, istituzionale e professionale – hanno offerto ai partecipanti l’acquisizione della panoramica del settore in Italia ed in Europa, dai principi culturali dell’economia sociale ai concetti e definizioni dell’impresa sociale e alle caratteristiche di un ecosistema favorevole; una rilettura dell'impianto normativo moldavo e un confronto con la nuova legge italiana sul Terzo settore, per comprendere necessità ed opportunità di attuazione e miglioramento; un quadro dei principi costituzionali e culturali, delle modalità di progettazione e delle misure di sostegno diretto ed indiretto che danno corpo alle politiche pubbliche italiane a favore dell'Economia Sociale; l’esperienza di una Regione italiana nell’adattamento delle politiche pubbliche alle esigenze e ai fabbisogni delle imprese sociali, con evidenza delle potenzialità dell'economia sociale, di modalità di co-progettazione e di strumenti di sviluppo territoriale.
 
I contenuti proposti, le modalità espositive e l’interazione dei relatori hanno riscosso grande interesse tra i partecipanti.
 
Le attività proseguiranno con la seconda sessione, di approfondimento, prevista dall’11 al 14 marzo a Chişinău.
 
Condividi l'articolo