Indietro

Job&Orienta

Job&Orienta 01.dic.2017
Dall’alternanza alla transizione: le azioni promosse da Anpal
Tra le principali attività i tutor per l’alternanza in 1250 scuole e il supporto ai CFP per 17600 contratti di apprendistato
Job&Orienta
“E’ fondamentale dare un significato concreto alla parola transizione. Come agenzia nazionale per le politiche attive abbiamo il dovere di facilitare l’attuazione in tutta Italia della legge che ha reso obbligatoria l’alternanza scuola-lavoro. Le statistiche dimostrano infatti che nei Paesi dove l’alternanza funziona ci sono anche i tassi di disoccupazione giovanile più bassi”.
 
A Job&Orienta – in occasione di un convegno organizzato oggi dalla divisione Transizioni di Anpal Servizi - il presidente dell’Anpal, Maurizio Del Conte, ha così introdotto le azioni che l’agenzia da lui presieduta realizzerà per promuovere un meccanismo efficace di passaggio dall’aula ai luoghi di lavoro. 
 
Per centrare l’obiettivo è necessario sviluppare una cultura dell’apprendimento duale. Ed è qui che si colloca e prende forma l’azione di sistema Transizioni tra sistema di istruzione e formazione e lavoro, promossa e attuata in stretta sinergia da Anpal e Anpal Servizi nel periodo 2017-2020. Un’azione integrata che mira a connettere l’istruzione e la formazione con il lavoro. 
 
Finalità degli interventi è il rafforzamento del ruolo degli istituti scolastici, delle Università e degli enti di formazione professionale/CFP (Centri di formazione professionale) nello sviluppo di percorsi di alternanza scuola-lavoro e di transizione istruzione-formazione-lavoro. 
 
Numerose le attività messe in campo: 
  • tutor per facilitare e consolidare i percorsi di alternanza scuola–lavoro in 1250 scuole secondarie di secondo grado a partire dall’anno scolastico in corso; 
  • supporto ai placement di 40 università/ITS (Istituti tecnici superiori) per la realizzazione di percorsi personalizzati con esiti occupazionali per 2500 laureandi/laureati e giovani in uscita dagli ITS; 
  • assistenza allo sviluppo e al consolidamento del sistema duale nella IeFP (istruzione e formazione professionale) in almeno 10 regioni
  • supporto alla qualificazione di 640 servizi di orientamento e placement di enti, CFP e istituti professionali;
  • assistenza ai CFP nel coinvolgimento di 24 mila giovani nei percorsi duali e nella realizzazione di 17600 contratti di apprendistato di primo livello o percorsi di alternanza rafforzata.
 
Uno dei compiti più importanti dell’Anpal – ha aggiunto Del Conte – è quello di “trasferire competenze, metodologie e strumenti per realizzare percorsi di alternanza di successo”. E più in generale “per favorire la costruzione di un sistema di transizione dei giovani dall’aula ai luoghi di lavoro che, tenendo conto delle differenze tra i territori e tra le regioni, funzioni in tutta Italia”.
Condividi l'articolo