Indietro

Reddito di cittadinanza

reddito di cittadinanza 21.ott.2020
“I talenti del reddito di cittadinanza in azione”: pubblicate in Abruzzo le graduatorie di ammissione al secondo step del progetto ICE-Anpal Servizi
Al progetto hanno aderito anche Marche e Campania

Seconda tappa in Abruzzo, dopo la pubblicazione del bando per le candidature, del progetto “Ri-parti con l’export: i talenti del reddito di cittadinanza in azione”: è on line la graduatoria dei 30 ammessi al colloquio attitudinale propedeutico al percorso di formazione per diventare promotori del made in Italy all’estero, nato dalla collaborazione fra Anpal Servizi e Agenzia ICE.  Una volta superato il colloquio attitudinale, lo step successivo prevede un colloquio per verificare la conoscenza dell’inglese, per poi entrare nel vivo del “Corso di specializzazione in Export e comunicazione digitale per l’estero (Marketing manager)", per una durata di 330 ore di corso in aula e stage di due mesi.  
Prevista anche la possibilità – una volta concluso il primo percorso formativo e nel caso in cui vi sia un congruo numero di allievi – di partecipare ad un secondo corso, “Marketing internazionale e digitale (addetto export) della durata di 420 ore. 
Al progetto hanno aderito, oltre alla Regione Abruzzo, anche Marche e Campania.
L’iniziativa è frutto dell’accordo quadro sottoscritto da Anpal Servizi e Agenzia ICE ed è destinata a beneficiari di Reddito di Cittadinanza,  inoccupati e disoccupati; costruita coerentemente con gli obiettivi di qualificazione e crescita professionale che la normativa prescrive per i beneficiari di RDC, il percorso formativo ideato e a sviluppare e potenziare competenze utili in un settore fondamentale per l’economia del nostro Paese, la presenza delle nostre imprese sui mercati esteri.
A conferma dell’importanza e delle potenzialità del commercio estero, e quindi della grande opportunità offerta da “I talenti del RDC”, i dati diffusi dall’Istat in occasione del XXXIV Rapporto ICE, nel luglio scorso: le esportazioni si sono dimostrate un antidoto alla caduta di fatturato, e le imprese che esportano si sono dimostrate molto dinamiche anche durante la crisi causata dall’emergenza sanitaria. Secondo l’Istat, sono 123.410 le imprese esportatrici attive, e 135.760 gli operatori economici con vendite di beni all’estero; nell’UE, Francia e Germania sono i nostri principali mercati di sbocco. Nei mesi del lockdown, le nostre aziende non si sono perse d’animo e hanno reagito in vari modi: il 26,4% ha elaborato piani di differimento degli investimenti; il 24,1% ha riorganizzato spazi e processi; il 21,1% ha avviato azioni di accelerazione digitale; il 20,6% ha modificato i piani di ampliamento dei paesi export; il 15,7% ha avviato nuove relazioni.

Consulta qui la graduatoria della Regione Abruzzo

 

Condividi l'articolo