Indietro

Transizione

Transizione 19.apr.2018
MAXXI A[r]t Work: quando l’alternanza diventa un’arte
Ecco il programma di alternanza scuola-lavoro realizzato dal Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma. L’obiettivo è quello di far conoscere agli studenti il “dietro le quinte” dei mestieri della cultura. Il progetto è stato presentato a una delegazione dell’Unione Europea - Guarda il Video
Foto scattata da Gianluca Fiore
“Credo che MAXXI A[r]t Work funzioni. Quando l’ho capito? Lo scorso ottobre, mentre gli studenti scendevano in piazza per protestare contro l’alternanza scuola-lavoro, i ragazzi che stavano partecipando alla nostra iniziativa mi hanno riempito il cellulare di messaggi. Il contenuto era più o meno sempre lo stesso: siamo felice e soddisfatti dell’esperienza che stiamo vivendo con voi”.
 
Pietro Barrera è il segretario generale della Fondazione MAXXI e non nasconde la soddisfazione per il successo che sta riscuotendo il progetto di alternanza messo in piedi – ormai da un anno e mezzo – dal Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma. Un successo tale da spingere l’Anpal a sceglierlo come buona pratica da mostrare a una delegazione dell’Unione Europea durante un evento che si è svolto il 18 aprile al MAXXI.
 
 
Ma cos’è MAXXI A[r]t Work?
Il messaggio chiave è Sperimenta e condividi le professioni della cultura. Il programma – rivolto agli alunni delle scuole secondarie superiori - ha l’obiettivo di far conoscere il “dietro le quinte” dei mestieri del settore.
 
Declinato in più giornate, è caratterizzato da una serie di incontri tenuti dai professionisti che lavorano al MAXXI. In tal modo gli studenti conoscono da vicino le figure professionali impiegate in un museo, le loro specifiche mansioni e il percorso formativo che le ha portate a lavorare in ambito museale. 
 
Workshop e laboratori fanno sì che i ragazzi possano sperimentare, in prima persona, le varie professioni e i relativi processi lavorativi. Il programma contempla esercitazioni, simulazioni e la realizzazione di progetti di marketing territoriale e audience development secondo le regole della comunicazione virale.
 
Ogni gruppo è invitato ad elaborare contenuti multimediali da pubblicare sul blog dedicato e da veicolare attraverso i social network, con il fine di raggiungere e coinvolgere differenti e potenziali pubblici. Gli studenti, guidati da addetti ai lavori, vestono quindi i panni dei reporter della cultura e dell’arte.
 
 
Un po’ di numeri
Finora sono 19 le scuole secondarie di Roma e del Lazio che hanno partecipato a MAXXI A[r]t Work, 950 gli studenti coinvolti, per un totale di 1045 ore di alternanza. 
 
Gli alunni hanno un’età compresa tra i 16 e i 18 anni.  
 
I partner dell’iniziativa sono:
 
  • Forma Camera, Azienda speciale della Camera di Commercio di Roma.
  • Biblioteche di Roma
  • Regione Lazio
  • Porta Futuro Lazio
  • Open House Roma 
 
Le voci dei protagonisti
Gli studenti che hanno partecipato al programma sono i principali ambasciatori di MAXXI A[r]t Work.
 
Filippo, del Liceo scientifico piccole ancelle del Sacro Cuore, ha le idee chiare: “Ho vissuto un’esperienza molto utile. Mi sono servite in particolare le sessioni sul team building e sul public speaking. Mi porto a casa nuove competenze che mi serviranno a scuola, nella vita e, un domani, al lavoro”.
 
Bilancio altrettanto positivo per Chiara del Liceo scientifico Louis Pasteur: “Grazie a MAXXI A[r]t Work ho scoperto quale potrebbe essere la mia strada. Adesso sono consapevole che la fotografia potrebbe un giorno diventare la mia professione”.
 
Celeste del Liceo linguistico Eugenio Montale è dello stesso parere: “Sono davvero soddisfatta. Questo progetto di alternanza scuola-lavoro si è rivelato formativo sotto ogni punto di vista. Mi ha permesso di rafforzare le mie soft skills e di sperimentare come funzionano i rapporti umani in un ambito lavorativo. MAXXI A[r]t Work mi ha dato la possibilità di esprimermi e di crescere, iniziando anche a proiettare lo sguardo sul futuro”.
 
 
I dati sull’alternanza scuola-lavoro in Italia
Durante la visita della delegazione dell’Unione Europea al MAXXI, Elena Gaudio del Miur ha tracciato il punto della situazione sull’alternanza in Italia.
 
Ecco i principali dati raccolti dopo l’introduzione della legge 107 del 2015
 
  • Un milione e mezzo di studenti interessati nell’anno scolastico in corso. 
  • Oltre 860 mila studenti fanno alternanza dal terzo anno. 
  • Oltre 330 mila imprese coinvolte
  • Oltre 1600 scuole coinvolte

 

(foto di Gianluca Fiore)

Condividi l'articolo