Back

Emilia-Romagna: 4,6 milioni per istruzione e formazione professionale

Formazione 31.Jul.2020
Emilia-Romagna: 4,6 milioni per istruzione e formazione professionale
Stanziati dalla Regione per finanziare 44 percorsi di IV anno per il conseguimento di un diploma professionale quadriennale
Regione Emilia-Romagna: 4,6 milioni di euro per istruzione e formazione professionale

In Emilia-Romagna, i giovani con una qualifica triennale avranno la possibilità di conseguire il diploma professionale quadriennale. La Regione ha infatti stanziato 4,6 milioni per 44 percorsi di IV anno di istruzione e formazione professionale.

I percorsi – finanziati dal Fondo sociale europeo 2014/2020 e da risorse nazionali per l’obbligo formativo - sono relativi all’anno scolastico 2020-2021, avranno una durata di 1000 ore e riguarderanno gli studenti che abbiano conseguito una qualifica professionale al termine dell’anno scolastico 2019/2020.

L’obiettivo è garantire agli studenti l’opportunità di accedere a un titolo di istruzione per innalzare le proprie competenze e avere migliori prospettive di buona occupazione.

I percorsi formativi

L’impianto progettuale del quarto anno di formazione prevede un modello fondato sulla collaborazione tra gli Enti di formazione professionale e le imprese, nella progettazione e realizzazione dell’offerta.

Lo scopo è quello di favorire un contesto di apprendimento legato all’esperienza, promuovendo un rapporto più stretto di confronto e trasferimento di conoscenza tra aziende e sistema formativo.

È quindi previsto uno stage che avrà una durata compresa tra le 500 e le 600 ore, potrà essere articolato su più periodi, anche in differenti aziende ospitanti, per consentire la conoscenza di modelli organizzativi e processi produttivi differenti.

I percorsi permetteranno di formare figure professionali che vanno dal tecnico nei sistemi domotici al disegnatore meccanico, dall’esperto qualificato in servizi di gestione dei flussi distributivi di pasti e bevande al grafico, fino ai tecnici della gestione di punti vendita o dei servizi turistico-ricettivi.

Condividi l'articolo