Back

Presentazione del XXXIV Rapporto ICE

Presentazione del XXXIV Rapporto ICE 28.Jul.2020
“I talenti del reddito di cittadinanza in azione: Progetto Ri-parti con l’export”: ai nastri di partenza i due corsi di formazione promossi da ICE e Anpal Servizi per i beneficiari di RDC
L’annuncio del presidente ICE Carlo Ferro: attività previste in autunno in Abruzzo, Marche e Campania
locandina presentazione Rapporto

Presentati questa mattina in diretta streaming il XXXIV Rapporto Ice-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, e l’Annuario statistico Istat-Ice, alla presenza del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Nelle parole del Ministro, tutta la difficoltà dei mesi che abbiamo alle spalle caratterizzati dall’emergenza sanitaria, e la sfida che le imprese hanno di fronte: attrezzarsi per superare la terribile crisi post Covid 19 e anzi provare a rinascere più forti di prima. Numerosi gli interventi messi in campo prima e durante l’emergenza sanitaria, periodo nel quale l’attività del Ministero e dell’Ice non si è fermata: finanziamenti diretti alle imprese che stanno affrontando processi di internazionalizzazione dei loro business, assistenza alla comunicazione con strumenti ‘personalizzati’, sostegno economico alle imprese che vorranno avere al loro interno figure manageriali per l’export e un programma Mise per il ‘digital manager’. 

Rafforzare la presenza del made in Italy all’estero è forse ora più difficile ma – come ha spiegato il presidente Istat Giancarlo Blangiardo - in generale le esportazioni attenuano la caduta di fatturato, sono un antidoto e le imprese esportatrici sono infatti più dinamiche nella ripresa. Secondo i dati Istat sono 123.410 le imprese esportatrici attive, concentrate per lo più nel manifatturiero (50,3%), e 135.760 gli operatori economici con vendite di beni all’estero; per quanto riguarda l’area Ue, Francia e Germania sono i nostri principali mercati di sbocco. Anche nell’emergenza, le nostre imprese esportatrici non si sono perse d’animo e hanno adottato varie le strategie di reazione: il 26,4% ha elaborato piani di differimento (e annullamento) degli investimenti; il 24,1% ha riorganizzato spazi e processi; il 21,1% ha avviato azioni di accelerazione digitale; il 20,6% ha modificato i piani di ampliamento dei paesi export; il 15,7%, infine, ha avviato nuove relazioni. 

Nel corso dell’evento, il presidente ICE Carlo Ferro ha annunciato l’accordo siglato con Anpal Servizi che prevede per i beneficiari del reddito di cittadinanza programmi di formazione, sul territorio, di export manager. Due corsi promossi e organizzati da ICE e da Anpal Servizi nell’ambito dell’intervento “I talenti del reddito di cittadinanza in azione: Progetto Ri-parti con l’export”, finalizzati a fornire ed incrementare le competenze individuali sui temi dell’internazionalizzazione delle imprese, con l’obiettivo di supportare le PMI italiane nell’affrontare i mercati esteri. Le attività partiranno in autunno in Abruzzo, Marche e Campania, subito dopo la pubblicazione - prevista a breve - dei bandi per l’adesione.

L’iniziativa è frutto dell’accordo quadro sottoscritto da Ice-Agenzia e Anpal servizi ed è destinata a inoccupati e disoccupati, principalmente beneficiari di Reddito di Cittadinanza; costruita coerentemente con gli obiettivi di qualificazione e crescita professionale che la normativa prescrive per i beneficiari di RDC, il percorso formativo ideato e promosso dai due enti mira a sviluppare e potenziare competenze utili in un settore fondamentale per l’economia del nostro Paese, la presenza delle nostre imprese sui mercati esteri, obiettivo che incrocia felicemente la mission di Anpal Servizi: promuovere e gestire ogni attività e intervento finalizzati alla promozione dell'occupazione in Italia e all'estero.  

Il percorso di formazione prevede la realizzazione di due corsi: A - “Corso di Specializzazione in Export & Comunicazione Digitale per l’Estero (Marketing Manager)”, della durata di circa 330 ore di formazione in aula con stage di 2 mesi, rivolto a destinatari con età massima di anni 40 al momento della domanda (tirocinio curriculare); e B - “Corso in Marketing Internazionale e Digitale (Addetto Export)” della durata di circa 420 ore di formazione in aula. I corsi, destinati ad un massimo di 32 partecipanti per classe, saranno attivati in presenza di almeno 20 partecipanti. Si svilupperanno in due fasi, la prima in aula, curata da ICE-Agenzia; la seconda di stage presso aziende individuate da Anpal Servizi. Saranno organizzati per moduli successivi, di diversa durata, articolati come segue: 

- “Corso di Specializzazione in Export & Comunicazione Digitale per l’Estero (Marketing Manager)”: Introduzione al corso; upgrading di inglese; economia; soft skills; marketing di base, internazionale, web marketing, social media communication; tecniche del commercio estero; stage aziendale.

- “Corso in Marketing Internazionale e Digitale (Addetto Export)”: Introduzione al corso; upgrading di inglese; economia; soft skills; marketing di base, internazionale, web marketing; tecniche del commercio estero; stage aziendale.

I destinatari dell’intervento saranno individuati dai Centri per l'impiego aderenti all'iniziativa, e successivamente selezionati attraverso un colloquio attitudinale volto ad accertare interesse, motivazione e disponibilità alla effettiva partecipazione. Coloro i quali supereranno il colloquio attitudinale saranno ammessi alla prova di inglese, determinante per la partecipazione ai corsi. 

Questi i requisiti necessari per accedere alle selezioni: Cittadinanza italiana o di altro stato membro dell’UE o di altro stato extracomunitario, purché regolarmente soggiornante in Italia; Nel caso di cittadini di stati membri dell’UE o di altri stati extracomunitari, adeguata conoscenza della lingua italiana; Non aver compiuto 40 anni: requisito richiesto solo per il corso A); Essere beneficiari del Reddito di Cittadinanza, oppure disoccupati e inoccupati; Essere in possesso del titolo di studio di scuola secondaria superiore; Avere buona conoscenza della lingua inglese: almeno pari al livello B1 - QCER Quadro Comune Europeo di riferimento. 

Condividi l'articolo