Indietro

Apertura job

JOB&ORIENTA 28.nov.2019
#illavorochevorrei al JOB&Orienta 2019
Inaugurata la 29esima edizione della manifestazione dedicata all'orientamento alla presenza del ministro Catalfo e il viceministro Ascani
"Il lavoro che vorrei" non vuole essere solo il titolo della 29esima edizione di Job&Orienta di Verona ma un auspicio di concretezza da parte di scuole, imprese e istituzioni. Per questo innovazione e sostenibilità sono state necessariamente le parole chiave più citate negli interventi dell'evento inaugurale. "Orientamento e formazione stanno al centro dell'azione governativa e delle Regioni - ha esordito Nunzia Catalfo, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali - Entrambe le azioni sono cruciali e decisive per il progetto di vita del giovane che deve essere aiutato nel suo percorso di scelta con tutte le informazioni possibili, anche con manifestazioni come Job&Orienta.
Ho avuto modo recentemente di confrontarmi con il governo svizzero e i rappresentanti dell'Oil sui temi della formazione duale e della dispersione scolastica e ho potuto rilevare quanto sia sempre più decisivo il tema delle nuove competenze che serviranno ai nostri ragazzi e ai nostri lavoratori per essere socialmente più forti".
 
Nuove competenze ancora poco conosciute dai giovani se è vero che le imprese trovano particolare difficoltà nel reperire giovani specialisti in scienze informatiche, fisiche e chimiche: nel 67% dei casi così come risulta dall'ultimo bollettino del Sistema informativo Excelsior realizzato da Unioncamere e Anpal. Spazio dunque a quell'innovazione capace di costruire futuro e crescita sostenibili: per l'economia e il lavoro, per la società, per il pianeta. "Quella che si vuole proporre è un'alleanza tra scuola e lavoro - ha dichiarato Anna Ascani, viceministra dell'istruzione - Due mondi non più separati ma che si compenetrano nell'ottica di favorire una cultura condivisa. Orientamento vuol dire cosentire al giovane di scoprire il proprio talento e di entrare in contatto con quello che gli aspetta. Il mondo del lavoro richiede competenze, quanto prima si acquisiscono meglio è".
 
#illavorochevorrei diventa così lo snodo delle opportunità "un grande luogo di confronto - dice Elena Donazzan, assessora al Lavoro della Regione Veneto - mettiamo in mostra il meglio delle buonecon la consapevolezza che l'educazione sta davanti a tutto. Occorre guardare al futuro partendo dalla nostra identità".
Condividi l'articolo