Indietro

Job Orienta

Eventi 26.nov.2020
Trovare lavoro con Eures è un’opportunità per tutti, non solo per i giovani
Nella seconda giornata di Job Orienta focus su Eures, la rete europea dei servizi pubblici per l’impiego coordinata a livello nazionale da Anpal
Anpal Servizi a Job Orienta

Un’opportunità di crescita professionale e umana. Per favorire la mobilità territoriale e un efficiente incrocio domanda-offerta in un mercato del lavoro effettivamente europeo, la Commissione Europea ha promosso nel 1994 la creazione della Rete europea dei servizi dell’impiego (Eures), coordinata a livello europeo dalla stessa Commissione e a livello nazionale da Anpal.

Dei risultati di questa rete si è parlato nella seconda giornata di Job Orienta, nel corso del webinar Lavorare In Europa con Eures, curato da Anpal. Roberta Scarpa, consulente Eures Italia in servizio presso la Direzione di Veneto Lavoro, ha presentato tutti gli strumenti.

Anzitutto il portale, attraverso il quale, dopo la registrazione, è possibile per i lavoratori creare un CV online per renderlo reperibile da parte dei datori di lavoro di tutta Europa e ricevere offerte di lavoro coerenti con il proprio profilo. E, specularmente, i datori di lavoro possono visionare tra tutti i CV inseriti quelli che corrispondono meglio ai loro fabbisogni professionali. Non solo. Il venerdì dalle 10,30 alle 12,30 è anche possibile ricevere una prima consulenza direttamente via chat.

Ci sono poi le fiere del lavoro online (European Online Job Days - EOJD). Quest’anno si sono svolte il 10 e l’11 novembre sulla piattaforma EOJD attraverso la quale imprese e lavoratori di paesi diversi sono entrati in contatto. Qualche numero: 9 paesi partecipanti (oltre all’Italia, Olanda, Finlandia, Lussemburgo, Malta, Belgio, Danimarca, Slovenia, Svezia, Austria); 4.043 persone in cerca di lavoro registrate, 3.425 CV caricati, 240 espositori (di cui 159 aziende e 81 servizi per l’impiego), 680 offerte di lavoro pubblicate (di cui 474 Italia) per 3.515 posizioni disponibili; 48 consulenti EURES registrati, 123 espositori in chat via Skype.

E poi i progetti: Your First European Job, rivolto ai giovani di 18-35 anni, con possibilità di svolgere tirocini di almeno 3 mesi o essere contrattualizzati, anche come apprendisti, per almeno 6 mesi. In più benefici economici per sostenere i costi di trasferimento, dei corsi di lingua e del riconoscimento delle qualifiche.

Ma ci sono opportunità anche per i lavoratori meno giovani che vogliono mettersi in gioco. Reactivate aiuta le aziende e le organizzazioni europee a trovare lavoratrici e lavoratori qualificati all’interno dell’Unione Europea. Uno dei punti d forza del progetto è il supporto personalizzato che ogni azienda riceve attraverso un adviser dedicato.
Naturalmente una rete che si rispetti non può non avere una community attiva sui social. Eures ha un account Facebook, uno su Twitter e uno su Linkedin.

È stato anche sottolineato come il portale Eures e i social siano accessibili anche ai cittadini di paesi terzi, che hanno così modo di conoscere le opportunità di lavoro in Europa, anche se le modalità di gestione dell’assunzione non possono che essere diverse da quelle dei cittadini dei paesi Ue. In questo senso Eures realizza non solo il principio di libera circolazione ma è anche uno strumento di integrazione sociale ed economica, nel più autentico spirito europeo.

 

Slide di presentazione
Webinar

 

 

 

Condividi l'articolo