Indietro

Fabbisogni occupazionali aprile 2021

Fabbisogni professionali 16.apr.2021
Excelsior: anche ad aprile assunzioni trainate da costruzioni e ICT (video)
Secondo il bollettino realizzato da Unioncamere e Anpal, incremento delle assunzioni del 4,7% rispetto a marzo. Ma rispetto al 2019 la diminuzione è del 26,4%
Excelsior

Ad aprile sono previste 305.660 assunzioni, di cui il 25% destinate a giovani fino a 29 anni. In un mese si è registrato un aumento di circa 14 mila unità (+4,7%), ma rispetto a due anni fa il decremento è significativo: 110 mila contratti in meno (-26,4%). Resta elevato il gap rispetto ai livelli pre-Covid secondo l’ultimo bollettino del Sistema informativo Excelsior realizzato da Unioncamere e Anpal.

Quasi due terzi delle assunzioni sono previste nei servizi: 190 mila contratti. Turismo e commercio sono i settori che registrano la maggiore flessione tendenziale della domanda di lavoro - sempre rispetto al periodo pre-Covid - rispettivamente con -76 mila (-77,4%) e -13 mila entrate (-21,9%). Dinamica positiva per i soli servizi ICT e servizi avanzati, nei quali si segnalano rispettivamente 3 mila entrate in più (+28,5%) e circa 800 in più (+4,5%) di quanto previsto ad aprile 2019.

L’industria programma invece per aprile 115 mila entrate (+5 mila rispetto al mese precedente), di cui 68 mila nei settori manifatturieri, 5 mila nelle  Public Utilities e circa 42 mila nelle costruzioni. Fra i settori manifatturieri il comparto che registra più assunzioni è quello della meccanica ed elettronica (18 mila), mentre il chimico-farmaceutico, della plastica e della gomma è l’unico che resiste alla crisi (+0,1% rispetto ad aprile 2019). Anche le costruzioni registrano un incremento rispetto ai due anni fa del 29,3%.
Nel trimestre aprile-giugno si prevedono 983.800 entrate programmate.

 

 

 

Le imprese cercano soprattutto operai specializzati (58.100 ingressi), le professioni qualificate nelle attività commerciali e dei servizi (57.800). Nel confronto con aprile 2019 cresce la domanda soprattutto per le professioni a più elevata specializzazione (22.600 entrate programmate), grazie soprattutto ai profili STEM e a quelli legati alle scienze della vita.

La difficoltà di reperimento di determinate figure professionali dichiarata dalle imprese ad aprile si attesta mediamente al 32% (35% per i giovani fino a 29 anni), ed è particolarmente alta nella selezione delle professioni intellettuali, scientifiche e a elevata specializzazione (51,0%) – in particolare degli specialisti in scienze matematiche, informatiche, fisiche e chimiche e naturali (61,8%) – dei tecnici (43,0%) – in particolare degli informatici, telematici e delle telecomunicazioni (63,5%) – e di operai specializzati (41,7%, con punte del 57,8% per i fabbri ferrai, costruttori di utensili e assimilati). Gli specialisti in informatica e gli esperti in fisica e chimica sono anche i più difficili da reclutare tra i giovani (71%).

Le microimprese (1-9 dipendenti) sono quelle che registrano la maggiore flessione nei programmi di assunzione rispetto al 2019 (-54.200 entrate), mentre le grandi imprese (oltre 250 dipendenti) si attestano su livelli molto vicini a quelli pre-Covid (-3.590 mila).

Sotto il profilo territoriale meglio il Nord Ovest, in cui si prevede un aumento delle assunzioni di 63.960 unità rispetto ad aprile 2020 e una diminuzione di 19.450 rispetto ad aprile 2019, la più bassa tra le ripartizioni del paese. Il Mezzogiorno registra la diminuzione più pesante rispetto ad aprile 2019 (-34.310).

Gli indirizzi di studio che in questo momento garantiscono gli esiti occupazionali migliori sono quello di ingegneria tra i corsi di laurea, quello di amministrazione, finanza e marketing per il diploma secondario e quello meccanico per la qualifica o diploma professionale: le assunzioni previste a marzo sono infatti rispettivamente 14.340, 31.730 e 13.080. Previsti anche 6.280 assunti provenienti dagli ITS, mentre 85.900 sono le assunzioni previste di lavoratori che non hanno alcun titolo di studio.


Comunicato stampa Unioncamere
Bollettino Excelsior aprile 2021

Condividi l'articolo