Indietro

Ammortizzatori sociali Emilia-Romagna: accordo con le banche

Ammortizzatori sociali 31.mar.2020
Emilia-Romagna: banche anticipano ammortizzatori sociali
Firmato in Regione l’accordo per la liquidazione anticipata degli ammortizzatori sociali ai lavoratori di aziende in difficoltà a causa del Coronavirus
Emilia-Romagna - Accordo con le banche per anticipo ammortizzatori sociali
In attesa dell’erogazione da parte dell’Inps, saranno le banche ad anticipare gli ammortizzatori sociali ai lavoratori delle aziende in difficoltà per il Coronavirus. Lo stabilisce il protocollo quadro firmato dalla Regione Emilia-Romagna insieme alle parti sociali e a diversi istituti bancari.
 
Saranno attivati finanziamenti individuali a costo zero e a tasso zero per supportare i lavoratori nei periodi di temporanea assenza di reddito. 

A chi è rivolta la misura

La misura è rivolta alle aziende in crisi che hanno attivato gli ammortizzatori sociali e non hanno le condizioni per anticipare ai lavoratori il sostegno al reddito: 
 
  • aziende che affrontano fasi di cessazione di tutta o di parte dell’attività produttiva sul territorio regionale;
  • aziende in situazione di grave dissesto finanziario;
  • aziende che devono sostenere processi di riorganizzazione aziendale;
  • aziende che affrontano una riduzione o cessazione temporanea dell’attività - o abbiano attivato gli ammortizzatori sociali in deroga per il 2020 - a seguito del Coronavirus.

Importo e durata del finanziamento

Le banche - su richiesta del lavoratore e previa valutazione del suo merito di credito - concederanno un finanziamento per un massimo 700 di euro al mese per un numero di mensilità pari a: 
  • 9 mesi per Cigs e Cigs per contratti di solidarietà difensivi (fino a 6.300 euro); 
  • 2 mensilità nell’anno solare per Cig in deroga (fino a 1.400 euro); 
  • 3 mensilità per Cigo (fino a 2.100 euro); 
  • 3 mensilità per il Fondo di integrazione salariale (fino a 2.100 euro).
Il protocollo è valido per il periodo dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020. Potrà essere aggiornato ed eventualmente rinnovato o prorogato con il consenso delle parti sottoscrittrici.
 
 
Condividi l'articolo