Indietro

avviso adr

Reddito di Cittadinanza 14.gen.2020
Assegno di ricollocazione per i beneficiari del Reddito di Cittadinanza: Anpal pubblica l’Avviso per i soggetti erogatori
Nelle otto pagine del documento tutti i dettagli della misura

L’assegno di ricollocazione per rendere occupabile i beneficiari del Reddito di Cittadinanza. I dettagli della misura sono ora disponibili nell’Avviso che Anpal ha pubblicato e che dà seguito a quanto definito nella delibera n.23/2019. I beneficiari del Reddito di Cittadinanza tenuti alla stipula del Patto per il lavoro possono spendere l’assegno per un servizio di assistenza intensiva alla ricollocazione presso un centro per l’impiego o presso uno dei soggetti accreditati a livello nazionale e regionale a svolgere servizi di politica attiva del lavoro. La scelta del soggetto erogatore da parte del beneficiario deve avvenire necessariamente entro il 31 dicembre 2021.

L’assegno di ricollocazione ha due possibili importi sulla base del conseguimento del risultato: in caso di conseguimento del risultato occupazionale, l’importo dell’AdR varia a seconda dell’indice di profilazione da 1.000 a 5.000 euro nel caso di contratto a tempo indeterminato (compreso apprendistato), da 500 a 2.500 euro per contratti a termine superiori o uguali a 6 mesi, da 250 a 1.250 euro nel caso di contratto a termine compreso superiore o uguale a 3 mesi e fino a 6 mesi; in caso di mancato raggiungimento dell’obiettivo occupazionale e a determinate condizioni descritte nell’Avviso , l’importo dell’AdR è limitato ad una quota fissa, denominata Fee4Service, e correlata alle azioni minime realizzate nell’attivare il soggetto nel percorso di ricollocazione.

Avviso
Allegato 1 - delibera Anpal n. 23-2019
Allegato 2 - procedure gestione sedi operative  Adr Rdc

Condividi l'articolo