Indietro

Bollettino Informativo del Lavoro

Bollettino Informativo del Lavoro 27.lug.2021
Bollettino Lavoro: la norma che pone termine al blocco assoluto dei licenziamenti, introdotto per la prima volta dal DL ‘Cura Italia’
Spazio anche al Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio n. 2021/1057 che istituisce il Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+)
Copertina Bollettino Luglio

È pubblicato il Bollettino Informativo del Lavoro, curato dalla Linea Benchmarking Nazionale ed Internazionale (BNI) – Direzione Studi e Ricerche di ANPAL Servizi, che offre una panoramica sugli aggiornamenti e sulle più importanti novità normative e documentali, a carattere europeo, nazionale e regionale, in materia di servizi e politiche del lavoro del mese di luglio 2021
 
Questo mese la Linea BNI mette a disposizione un documento di approfondimento relativo al Decreto Legge 30 giugno 2021, n. 99 “Decreto Lavoro”, che illustra le misure a sostegno dell’occupazione, delle imprese e della crescita economica. La norma pone termine al blocco assoluto dei licenziamenti, introdotto per la prima volta dal DL n. 18/20 (“Cura Italia”), salvo specifiche previsioni, facendo quindi leva su nuove settimane di ammortizzatori sociali agevolati per le imprese, per non ricorrere a riduzioni di personale finché si usufruisce del sussidio.
 
Tra i documenti e la normativa in evidenza, il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio n. 2021/1057 che istituisce il Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+). Composto da 44 articoli, ha come obiettivo generale quello sostenere i Paesi membri e alle regioni nel conseguire livelli elevati di occupazione, una protezione sociale equa e una forza lavoro qualificata, nonché società inclusive e coese finalizzate all'eliminazione della povertà e alla realizzazione dei principi enunciati nel Pilastro europeo dei diritti sociali.

A livello nazionale, la Legge n. 106/21 di conversione del Decreto Sostegni-bis che introduce, tra l'altro, modifiche al TU dei contratti di lavoro, per quanto concerne il rapporto a tempo determinato (prevedendo in specifiche condizioni una durata superiore di tale contratto a 12 mesi, ma comunque non eccedente il limite massimo di 24 mesi).

Come di consueto, il Bollettino Informativo del Lavoro mette inoltre a disposizione una specifica sezione dedicata alla ricognizione dei principali bandi/avvisi, a carattere regionale, in materia di incentivi alle imprese e all’occupazione.

Condividi l'articolo