Indietro

Fabbisogni occupazionali

Fabbisogni professionali 06.nov.2019
Previsioni Excelsior 2019-2023: le imprese cercano tecnici della "Digital Transformation” e dell’ecosostenibilità
“Si aprono spazi per migliorare le attività di orientamento” secondo il Sistema informativo realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal

La “Digital Transformation” e l’ecosostenibilità saranno i settori trainanti, arrivando a coinvolgere tra il 26 e il 29% dei lavoratori di cui le imprese e la Pubblica Amministrazione avranno bisogno nei prossimi 5 anni. Queste le previsioni aggiornate a ottobre del Sistema Informativo Excelsior realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal sulla base della rilevazione periodica, effettuata dal Sistema delle Camere di commercio, dei programmi occupazionali delle imprese con dipendenti dell’industria e dei servizi.

Circa un quarto del fabbisogno occupazionale previsto nel periodo 2019-2023 riguarderà figure professionali inerenti alle filiere di salute e benessere, education e cultura, meccatronica e robotica, mobilità e logistica, energia. In particolare, nella manifattura l’industria della fabbricazione di macchinari, attrezzature e mezzi di trasporto esprimerà il maggior fabbisogno occupazionale (89.000-93.600 unità), mentre tra i servizi il settore che esprimerà i maggiori fabbisogni sarà il commercio-riparazioni (407.100-440.400 unità). 

I laureati e i diplomati dovrebbero rappresentare il 61-62% del fabbisogno totale (54% nel settore privato, 98% in quello pubblico), mentre risulta che il 53% delle uscite annuali dal mercato del lavoro possiede un titolo di studio di livello secondario o terziario. Per i neolaureati emerge la previsione di una tendenziale carenza di offerta complessiva, che potrà essere più o meno intensa a seconda degli indirizzi di studio. Per i neodiplomati, al contrario, si profila per i prossimi anni il mantenimento di un eccesso di offerta, anche in questo caso con significative differenze per gli specifici indirizzi di studio.

Il volume sottolinea che “questi mismatch dipendono ampiamente da una scelta inadeguata dei percorsi formativi, basati spesso unicamente sulle preferenze individuali e senza considerare i reali sbocchi lavorativi dei vari indirizzi di studio, anche per un’effettiva carenza informativa. Qui si aprono ampi spazi per un miglioramento delle attività di orientamento, a cui anche i risultati delle previsioni a medio termine offerte dal Sistema informativo Excelsior possono efficacemente contribuire”.

 

Scarica le previsioni Excelsior 2019-2023

Condividi l'articolo