Indietro

Incentivi all'occupazione in Veneto

Incentivi all'occupazione 14.set.2020
Veneto: estesi gli incentivi alla reintegrazione dei dipendenti in cassa integrazione per l’emergenza Covid-19
C’è tempo fino al 2 ottobre per presentare le domande per i contributi per il pagamento dello stipendio del lavoratore reintegrato, per un importo fino all'80% della retribuzione mensile lorda
Contributi occupazione in Veneto

Anche ristoranti, bar, taxi, imprese dello spettacolo e pubblici esercizi potranno richiedere i contributi per pagare i dipendenti reintegrati che erano in cassa integrazione a causa dell'emergenza Coronavirus. Lo ha deciso la Regione del Veneto,  che ha ampliato l'elenco dei codici Ateco ammissibili alle richieste di contributo, finalizzato a sostenere le imprese riducendo il costo del lavoro e tutelando l’occcupazione.

La misura era inizialmente prevista per i settori del turismo e della cultura, tra i più colpiti dalla crisi: in particolare, alberghi, attività ricettive, editoria, agenzie di viaggio, attività culturali e altre categorie economiche individuate sulla base dei dati forniti dall'Osservatorio di Veneto Lavoro sull'impatto occupazionale della crisi.

Il contributo può arrivare all'80% della retribuzione mensile lorda per un periodo compreso tra i 3 e i 6 mesi.


Nello specifico, l'elenco dei codici Ateco ammessi al contributo è stato ampliato alle seguenti attività economiche:

  • 49.32.10          Trasporto con taxi
  • 49.32.20          Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con   conducente
  • 56.29.10          Mense
  • 56.29.20          Catering continuativo su base contrattuale
  • 56.10               Ristoranti e attività di ristorazione mobile
  • 56.30               Bar e altri esercizi simili senza cucina
  • 90.03               Creazioni artistiche e letterarie
  • 90.04               Gestione di strutture artistiche
  • 93.29               Altre attività ricreative e di divertimento

La condizione necessaria per accedere al contributo è reintegrare lavoratori assunti prima del 23 febbraio 2020 con contratto a tempo indeterminato o di apprendistato professionalizzante, che abbiano beneficiato di ammortizzatori sociali con causale Covid-19 e, successivamente al reintegro, continuino a svolgere l’attività lavorativa durante tutto il periodo di validità del sostegno economico.

Le risorse ancora disponibili ammontano a oltre 30 milioni di euro. Il valore massimo concedibile per ogni impresa varia dai 15.000 euro ai 50.000 euro sulla base della classe dimensionale aziendale.

La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 2 ottobre 2020.

Per maggiori informazioni e per inviare le richieste di contributo consultare la sezione dedicata di ClicLavoro Veneto.

Condividi l'articolo