Indietro

Lazio, incentivi alla formazione e lavori socialmente utili

Lsu e Fondo Nuove Competenze 21.gen.2021
Regione Lazio, novità su Lsu e Fondo Nuove Competenze: obiettivo, svuotare il bacino nel 2022 e sostenere la formazione soprattutto nelle pmi
Si lavora anche a un ‘Patto formativo’ e a un nuovo catalogo della formazione
logo regione Lazio

Con una delibera approvata a inizio anno, la Giunta regionale del Lazio ha formalizzato la destinazione delle risorse provenienti dal Fondo Nuove Competenze in capo ad Anpal. Le risorse andranno a supporto della formazione professionale, in particolare quella mirata al potenziamento delle nuove competenze sempre più necessarie al mercato del lavoro. 
La Giunta regionale ha inoltre definito i termini di una convenzione da sottoscrivere proprio con Anpal prevedendo, ove necessario, l’integrazione del Fondo con ulteriori 5 milioni di euro finalizzati al sostegno in particolare delle piccole imprese, dove più sarà utile aggiornare le competenze dei lavoratori alla luce delle esigenze imposte dall’emergenza sanitaria. 
Per raccordare esigenze delle aziende e know how dei lavoratori, inoltre, l’assessore regionale al Lavoro Claudio Di Berardino ha annunciato la elaborazione di un ‘Patto formativo’ e di un nuovo catalogo regionale della formazione, specificando che sono già 13 le aziende che si sono viste approvare un percorso formativo dalla Regione, per un totale di 118.064 ore e 1.376 lavoratori coinvolti. 

Per quanto riguarda i lavoratori socialmente utili, passati dai 1334 del 2013 agli attuali 187, sono stanziate risorse pari a 1,3 milioni di euro per l'esercizio finanziario 2021 e 600 mila euro per il 2022, con l’obiettivo di svuotare il bacino entro il 2022. Per questo motivo vengono confermati gli incentivi alla fuoriuscita volontaria e quelli alle amministrazioni locali per la stabilizzazione contrattuale.

Condividi l'articolo