Indietro

parisi su piano

Anpal Servizi 10.lug.2020
Piano industriale Anpal Servizi, Parisi: "Massima unità per rilanciare le politiche del lavoro"
Precisazioni del presidente di Anpal
“Nel ribadire la mia soddisfazione per l’approvazione del Piano industriale di ANPAL Servizi - ha dichiarato Mimmo Parisi, presidente di ANPAL - voglio sottolineare come questo importante risultato sia il frutto di un lungo processo di condivisione e confronto, a livello regionale e nazionale, che riflette il ruolo di ANPAL e della sua società in house come elemento di raccordo e coordinamento della rete nazionale dei servizi per il lavoro.

Particolare cura – ha aggiunto Parisi - è stata posta nel garantire che le azioni e le misure previste dal Piano industriale vengano sviluppate nel quadro e nel rispetto delle competenze costituzionalmente affidate alle Regioni, con le quali si è avuta una fruttuosa e costruttiva interlocuzione. Le Regioni stesse, con nota dell’8 giugno 2020 inviata al CDA dalla IX Commissione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno espresso alcune specifiche indicazioni in tal senso, di cui si è tenuto pienamente conto nella predisposizione della versione definitiva del Piano.

Nella medesima nota le Regioni hanno dato mandato all’assessore Claudio Di Berardino di esprimere in sede di CDA di ANPAL, di cui è membro, ‘apprezzamento per quanto contenuto nel Piano industriale della società, con riferimento alla prospettata stabilizzazione del personale precario della società e di prendere atto di quanto indicato relativamente alla riorganizzazione interna, che attiene a scelte che sono di esclusiva competenza della società’.

In questo momento di grande emergenza occupazionale il ruolo di ANPAL e di ANPAL Servizi - ha concluso Parisi - è di fondamentale importanza. Rispetto la decisione autonoma del consigliere Di Berardino nell’esprimere il suo voto contrario all’approvazione del Piano industriale, ma mi auguro e farò personalmente il possibile perché l’attuazione del Piano stesso proceda nel segno della massima unità”. 
Condividi l'articolo