Indietro

Puglia: oltre 8 milioni di euro per la formazione professionale

Formazione 10.dic.2020
Puglia: oltre 8 milioni di euro per la formazione professionale
Ventinove tipologie di professionisti da formare per contribuire alla crescita economica e sociale della regione
Assunzione stilizzata
È stato pubblicato oggi sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia un Avviso relativo alla realizzazione di percorsi di istruzione e formazione professionale, per un impegno finanziario di 8.164.564 euro.
 
Il progetto rientra nelle politiche di contrasto all’abbandono formativo, fenomeno definito dalla Commissione europea come uno dei fattori maggiormente rilevanti nel rallentamento dello sviluppo degli Stati membri, per limitare il quale la Regione ha investito complessivamente 107 milioni di euro nel corso della passata legislatura, permettendo a 3654 giovani pugliesi di avere una qualifica o un diploma professionale immediatamente spendibile nel mercato del lavoro e valido sull’intero territorio nazionale ed europeo.
 
Gli organismi di formazione che si aggiudicheranno i progetti dovranno individuare classi composte da almeno dieci allievi per percorso formativo. I destinatari sono sia i giovani che al termine della scuola secondaria di primo grado scelgono la formazione professionale, sia i ragazzi che hanno abbandonato l’obbligo formativo previsto in Italia. L'età massima per poter accedere è 24 anni.
 
Le figure professionali individuate per i percorsi formativi sono ventinove, un numero alto che permette di coprire un ampio ventaglio di professionalità: dal settore agricolo fino a quello informatico, passando per quello tessile, metallurgico, alimentare e molti altri ancora.
Le linee specifiche di intervento finanziabili sono tre:
  • Linea 1: per progetti formativi triennali ordinari, finalizzata al rilascio della qualifica professionale;
  • Linea 2: per progetti formativi triennali in modalità “duale” (quindi con la doppia modalità di apprendimento, in aula e in contesti lavorativi), finalizzata al rilascio della qualifica professionale;
  • Linea 3: per progetti formativi di un anno destinati a chi ha completato il percorso di qualifica triennale e finalizzati al conseguimento del diploma professionale di tecnico di Istruzione e Formazione Professionale.
“La formazione professionale è elemento trainante delle politiche attive del lavoro” commenta l’Assesssore Sebastiano Leo. “È il filo rosso che consente la crescita economica, produttiva e sociale del nostro territorio: le competenze di collaboratori preparati consentono alle aziende di svilupparsi e la certificazione di quelle competenze è il miglior biglietto da visita che forniamo ai nostri giovani per accedere ai processi lavorativi e allo stesso tempo per essere sempre più consapevolmente cittadini impegnati nella vita sociale”
Condividi l'articolo