Indietro

Statistiche del lavoro Inps marzo 2021 (video)

Statistiche del lavoro 18.giu.2021
Inps: a marzo assunzioni in aumento (+7,4% in un mese)
Pubblicato l’Osservatorio sul precariato. Nei primi tre mesi del 2021 diminuzione del 17,5% rispetto allo stesso periodo del 2020
Logo Inps Osservatorio precariato

Positivo a marzo il saldo tra assunzioni e cessazioni di rapporti di lavoro, pari a +57.590 unità. Nei primi tre mesi è risultato pari a +271.010, nettamente superiore a quello del 2020 (+54.485) che evidentemente risentiva degli effetti economici del lockdown.
È una delle evidenze più significative dell’Osservatorio sul precariato, pubblicato dall’Inps con i dati aggiornati a marzo.

Complessivamente nel mese considerato le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, sono state 423.807 (il 19,8% a tempo indeterminato), cioè 58.212 in più (15,9%) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il calo ha riguardato tutte le tipologie contrattuali, risultando però più accentuato per le assunzioni con contratto intermittente (-36%) e a tempo indeterminato (-25%). Rispetto al mese precedente l’incremento è stato del 7,4%. Nei primi tre mesi del 2021 le assunzioni sono state 1.273.953, il 17,5% in meno rispetto al 2020.

Le trasformazioni di rapporti a termine in contratti a tempo indeterminato sono risultate 30.503 (39.669 se si considerano anche quelle degli apprendisti), in flessione del 24,2% rispetto a un anno fa. Nei primi tre mesi del 2021 le trasformazioni sono 111.167 (138.389 se si considerano anche quelle degli apprendisti), il 35,6% in meno rispetto al 2021.
Risultano invece in crescita del 13% le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo, pari a circa 18.000.

 



È diminuito del 48,6% anche il numero di cessazioni, che a marzo è risultato pari a 366.217. Nei primi tre mesi del 2021 le cessazioni sono state 1.002.943 (-46,2% rispetto al 2020). La diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-33%) è stata particolarmente accentuata per i contratti stagionali (-58%) e i contratti intermittenti (-48%), mentre per i contratti a tempo indeterminato a marzo si è registrato un incremento del 7%.

Dopo 3 mesi si verifica un miglioramento congiunturale del saldo annualizzato (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi): a marzo è stato pari a -+190.623. A febbraio era pari a -36.805, mentre nello stesso periodo un anno fa era pari a 74.393.
 
Osservatorio precariato Inps marzo 2021

Condividi l'articolo