Indietro

Toscana: aperto oggi il bando per innovazione digitale Pmi

Imprese 17.set.2020
Toscana: aperto oggi il bando per innovazione digitale Pmi
La Regione stanzia 10 milioni. Tra i servizi finanziabili c’è anche l’assunzione di personale altamente qualificato
logo Regione Toscana: bando per innovazione Pmi
Aperto oggi il bando per la microinnovazione digitale delle micro e delle piccole e medie imprese colpite dalla pandemia di Coronavirus.
 
La Regione Toscana stanzia 10 milioni di euro per l’acquisto di servizi innovativi destinati a favorire i processi di trasformazione digitale: 8 per il settore manifatturiero e 2 per quello commerciale e turistico.
 
Destinatarie sono le aziende toscane (compresi i liberi professionisti) in forma singola o associata (ATS, ATI, Rete- Contratto) e le reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Consorzi e Società consortili.
 
Il costo totale del progetto da finanziare deve essere compreso tra i 7500 e i 100 mila euro. Tra le spese ammissibili: 
  • servizi di consulenza in materia di innovazione digitale, 
  • servizi di sostegno all'innovazione compreso i canoni relativi a piattaforme software, 
  • personale altamente qualificato. 
L’aiuto sarà concesso nella forma di contributo a fondo perduto ed erogato sotto forma di voucher. I costi sono ammissibili a partire dal 1 febbraio 2020.
 

Come presentare le domande

La domanda di agevolazione va redatta  esclusivamente  online - sulla piattaforma web di Sviluppo Toscana -  a partire dalle ore 9 del 17 settembre 2020.
 
La raccolta progettuale sarà chiusa alle ore 17 del  secondo giorno successivo  a  quello di  raggiungimento  delle risorse  disponibili.  Al  raggiungimento della dotazione disponibile, sarà pubblicato un avviso sul portale di inserimento delle domande gestito da Sviluppo Toscana.
 
In ogni caso - fatte salve eventuali e diverse determinazioni al riguardo da assumersi prima di quella data - la raccolta progettuale sarà sospesa alle ore 23.59 del 15 novembre 2020
 

Per saperne di più

 
Condividi l'articolo