Indietro

Toscana: voucher formativi per imprenditori e manager

Formazione continua 15.apr.2021
Toscana: voucher formativi per imprenditori e manager
Bando della Regione per contributi da 2500 euro. Domande da oggi al 15 maggio
Bando Regione Toscana - Voucher formativi per imprenditori
C’è tempo da oggi fino al 15 maggio per presentare le domande. È di nuovo attivo il bando della Regione Toscana per la concessione di voucher formativi individuali rivolti a imprenditori, amministratori unici di aziende, componenti dei consigli di amministrazione con compiti gestionali e soci di cooperative.
 
L’importo massimo del voucher è di 2500 euro e copre le spese di iscrizione a:
 
  • percorsi formativi erogati dalle agenzie formative accreditate a livello regionale; 
  • Master di I e II livello in Italia o all’estero erogati da Università in possesso del riconoscimento del Miur o riconosciute da autorità competenti estere.
I beneficiari devono essere:
 
  • residenti in un comune della Toscana;
  • di età compresa tra i 18 e i 65 anni.
Gli imprenditori interessati possono richiedere il voucher per la frequenza di percorsi formativi - anche in modalità e-learning - rispondenti alle finalità previste dal bando. Ad esempio l’acquisizione di conoscenze utili a sviluppare investimenti in settori come: 
  • innovazione e digitalizzazione dei processi produttivi, 
  • economia circolare, 
  • sviluppo equo e sostenibile, 
  • green economy,
  • cybersecurity.
L’iniziativa - nell’ambito di Giovanisì – prevede, a parità di punteggio, una priorità per le domande presentate dagli imprenditori più giovani.
 

Info e domande

La domanda deve essere presentata - esclusivamente da parte del diretto interessato - tramite il sistema online della Regione, selezionando Formulario online di presentazione dei progetti FSE.
 
Per maggiori informazioni sul bando scrivere a formazionecontinua@regione.toscana.it.   
 
Oppure telefonare al numero verde di Giovanisì 800.098719 – dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 16 - o scrivere a info@giovanisi.it.
 
 
Condividi l'articolo