Indietro

Transizione scuola-lavoro in Veneto

Transizione scuola-lavoro 24.feb.2021
Veneto: percorsi integrativi per Operatore Socio Sanitario (OSS) rivolti agli studenti
Entro l’8 marzo 2021 gli istituti scolastici e gli enti accreditati possono presentare progetti formativi alla Giunta regionale
OSS in Veneto
È stato rinnovato lo schema di Protocollo tra la Regione del Veneto e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto per gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022 per realizzare percorsi integrativi per diventare Operatore Socio Sanitario (OSS)
I destinatari sono gli studenti dei corsi ad indirizzo servizi socio-sanitari e servizi per la sanità e l’assistenza sociale degli Istituti Professionali.
 
L’obiettivo è completare la formazione teorica dei ragazzi che frequentano il 4° e 5° anno con le competenze previste dal profilo professionale di OSS. I percorsi devono infatti prevedere un tirocinio presso le strutture e i servizi nel cui ambito è prevista la figura di OSS. 
 
 
Possono presentare il progetto:
  • gli Istituti scolastici iscritti nell’elenco degli Organismi di Formazione Professionale accreditati presso la Regione;
  • gli enti accreditati per l’ambito della formazione superiore, in possesso di comprovata esperienza nella programmazione e gestione di percorsi formativi per OSS, in partenariato obbligatorio con un Istituto scolastico del Veneto che abbia attivo l’indirizzo dei servizi socio sanitari.
 
Il costo massimo per la copertura delle spese relative alla gestione dei corsi non può superare l’importo di 1.200 euro per ogni corsista.
 
Le domande di presentazione dei progetti formativi vanno inviate entro l’8 marzo 2021 alla Giunta regionale del Veneto − Direzione Formazione e Istruzione, secondo le modalità indicate nel bando pubblicato sul sito della Regione, dove è possibile trovare maggiori informazioni.
 
 
 
 
 
Condividi l'articolo