Indietro

Umbria: formazione in agricoltura per 30 giovani disoccupati

Inclusione sociale e lavorativa 12.mar.2021
Umbria: formazione in agricoltura per 30 giovani disoccupati
Coltivare Talenti è il progetto di bioagricoltura sociale rivolto ai ragazzi più vulnerabili
Coltivare Talenti - Progetto in Umbria per la formazione in agricoltura di giovani svantaggiati

L’agricoltura come occasione di formazione professionale, per coniugare il lavoro con azioni di contrasto all’esclusione sociale. 

L’obiettivo è chiaro: 30 giovani tra i 18 e i 35 anni d’età - in condizioni di vulnerabilità o esposti al rischio di esclusione sociale – saranno formati, avviati al lavoro agricolo e alla costruzione di una cooperativa di bioagricoltura sociale di inserimento lavorativo.

Coltivare Talenti è il progetto – finanziato dalla Regione Umbria attraverso il Fondo Sociale Europeo e il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale –  messo in campo da Frontiera Lavoro, Associazione italiana per l’agricoltura biologica e Fondazione Opere Pie Riunite di Perugia. 

L’iniziativa – che si svolge su un terreno di quattro ettari a Torgiano – prevede quattro laboratori esperienziali di cinque mesi preceduti da un percorso di orientamento al lavoro.

I beneficiari e le finalità

I partecipanti provengono prevalentemente da comunità terapeutiche di recupero o educative e da segnalazioni dei diversi servizi socio-sanitari territoriali.

La finalità principale è quella di orientare ragazze e ragazzi privi di occupazione al lavoro agricolo. Al termine di ogni laboratorio saranno individuati i giovani che avranno dimostrato maggiore interesse e avranno sviluppato importanti capacità e competenze, per prendere parte alla costituzione di una start-up imprenditoriale per la gestione di una cooperativa sociale agricola di tipo B.

Le produzioni agricole frutto delle attività del progetto non potranno creare profitto e saranno donate alla Caritas di Perugia e al Comitato Perugia Solidale per il sostegno alle famiglie umbre in difficoltà.

 

Per saperne di più

Condividi l'articolo